top
Parrocchia Doberdo

Jamiano

Chiesa di S. Antonio da Padova Jamiano (GO)

A Jamiano il primo edificio destinato al culto venne edificato prima del 1325 L'altare era dedicato a Sant'Antonio da Padova e, come sonsuetudine di quei tempi, il cimitero era costruito accanto alla chiesa.
Tra il 1853 ed il 1856, la chiesa di Jamiano venne riedicata e dedicta sempre a Sant'Antonio da Padova. Alla chiesa prestavano la loro opera i sacerdoti apparteneti alla Parrocchia di San Giovanni di Duino, confinante con quella di Jamiano. Fu nel 1869 che il capo del villaggio di Jamiano ottenne l'assegnazione del proprio sacerdote direttamente dall'Arcivescovo di Gorizia e, per l'occasione, venne costruita la prima casa canonica.
Nel 1872 fu nominato il primo vicario di Jamiano, Jozef Durjava ed in parrocchia venne aperta la scuola elementare. Durante la Grande Guerra, chiesa e casa canonica vennero distrutte dai bombardamenti; nel villaggio di jamiano dovettero quindi pestare la loro opera i sacerdoti delle parrocchie confinanti.
Nel 1925 la chiesa di Jamiano venne riedificata. Al tempo del fascismo, le restrizioni sulle minoranze linguistiche fecero sì che a Jamiano non si potesse più officiare la Santa Messa in lingua slovena.
Con la delimitazione del nuovo confine italiano avvenuta nel 1947, al vicariato di Jamiano fu annesso un vasto territorio denominato Vallone (Dol in sloveno), ereditato, per così dire, dalla Parrocchia di Oppachiasella (Opatje selo in sloveno), con l'insediamento di un vicario permanente.
Nel 1968 inziarono i lavori per la costruzione di una nuova casa canonica per l'insediamento del parroca.

La chiesa

Esternamente questa presenta un mosaico raffigurante la presentazione di Gesù al Tempio; l'identico mosaico lo ritroviamo anche nel Santuario Mariano di Monte Santo (prov. di Nova Gorica – Slovenia).
Le quattro colonee che sorreggono il semi tetto sopra l'ingresso raffigurano degli animali descritti nell'Apocalisse
Nella chiesa è presente la statua lignea di Sant'Antonio di Padova che sovrasta l'altare maggiore; lateralmente si possono invece ammirare due quadri: uno raffigura la Beata Vergine Maria ed il Beato Slonsek; l'altro raffigura San Guiseppe, in ricordo dei reduci della Germania. Il campanile ospita tre campane.
Attualmente la Parrocchia di Jamiano conta 460 parrocchiani.

Where to find us

Chapel

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur elit sed do eiusmod tempor incididunt.
a
[contact-form-7 404 "Non trovato"]